Questo sito usa i cookie di terze parti per migliorare i servizi e analizzare il traffico. Le info sulla tua navigazione sono condivise con queste terze parti. Navigando nel blog accetti l'uso dei cookie.

BONUS ENERGIA

SOS TURISTA

SPORTELLO MIGRANTI

VITTIME DELLA STRADA

SPORTELLO TRANS

SOVRAINDEBITAMENTO

SANITA' SALUTE

CRIF

LUDOPATIE

SPORTELLO NOTAIO AMICO

OGGI: ASSEMBLEA PROCIDA, IL SALUTO DEL PRESIDENTE DI FEDERCONSUMATORI CAMPANIA

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

 

Rosario Stornaiuolo 2

 

Sono estremamente lieto come Presidente della Federconsuamtori Campania di dare il mio saluto alla vostra assemblea.

L'Associazione Federconsumatori Campania che io rappresento unitamente ad un comitato di cittadini del Comune di Procida (Na) alla luce della sentenza della Cassazione dell'8 marzo n°3756 che ha confermato definitivamente l'illegittimità dell'IVA sulla TIA ha gia' chiesto ed ottenuto dal Signor Sindaco un incontro per potere discutere circa il rimborso cui i cittadini hanno diritto cosi' come dalle decine di richieste pervenute presso la nostra Sede.

Finalmente infatti, da più fronti, giungono buone notizie sul fronte dei rimborsi dell'IVA sulla TIA (Tariffa Igiene Ambientale), pagata indebitamente per anni da 17 milioni di cittadini (circa 6 milioni di famiglie).

La Federconsumatori, infatti, non si è arresa di fronte alla vergognosa e manifesta volontà del Governo di negare ai cittadini il rimborso di questa vera e propria "tassa sulla tassa" ed ha portato avanti iniziative concrete per far valere, una volta per tutte i diritti dei cittadini, sanciti dalla precisa sentenza dell'Alta Corte Costituzionale e della Cassazione a sezioni unite, che avevano dichiarato illegittima l'IVA sulla TIA.

Alla luce di queste importanti vittorie, continueremo a proporre su tutto il territorio nazionale delle cause pilota di fronte ai Giudici di Pace, ed invitiamo quindi i cittadini a non darsi per vinti e ad effettuare, qualora non l'avessero già fatto, la richiesta rivolgendosi alle nostre strutture per il rimborso di quanto indebitamente pagato.

Non ha funzionato, quindi, il "gioco delle tre carte" messo in atto dal Governo, che pur di non dare applicazione alla sentenza della Corte Costituzionale, ha aggirato in ogni modo la questione etichettando e mascherando la nuova TIA2 (Tariffa Integrata Ambientale) come "prestazione di servizio", su cui è applicabile l'IVA. Ovvero come cambiare solo il nome, senza modificare la sostanza.

La nostra vittoria che e' quindi anche la vostra contempla numeri importanti che ci hanno indotto ad attivarci all'inizio del 2010 con una lettera di diffida e un'azione inibitoria in cui si chiedeva di non applicare l'IVA a partire dall'anno 2010. Il risultato si è formalmente ottenuto in quanto l'IVA sulla TIA è infine scomparsa, tuttavia riteniamo che ancora oggi sia presente, mascherata nell'aumento della tassa rifiuti previsto da delibere comunali nell'ordine del 20% ma con un incremento medio registrato del 32%. Una diatriba che ha visto nuovamente la nostra associazione impegnata in una successiva azione inibitoria finalizzata a far chiarezza sugli effettivi costi del servizio per una maggior trasparenza nei confronti dei cittadini sulla composizione della tariffa applicata nell'anno 2010 e per il recupero dell'IVA ancora in sospeso.

Federconsumatori ha fornito assistenza a migliaia di cittadini per la richiesta di rimborso di quanto illegittimamente pagato e per la cessazione dell'assoggettamento all'IVA della TIA. L'associazione ha vinto molti ricorsi presso i giudici di pace (Genova, Alessandria, Prato), ottenendo il rimborso di quanto illegittimamente addebitato ai cittadini.

Ora la Federconsumatori,chiede al Governo Monti di chiudere la vicenda una volta per tutte, dando finalmente piena applicazione alla sentenza della Corte costituzionale e della Cassazione, restituendo l'IVA pagata indebitamente da milioni di cittadini attraverso uno storno sulle future bollette o consentendo la detrazione dell'importo non dovuto nelle dichiarazioni dei redditi. È chiaro che va trovata una soluzione urgente e politica da parte del Governo e del Parlamento.

Federconsumatori Campania e' stata al Vostro fianco contro la società Caremar che ha ingiustamente, dal 16 Gennaio 2012, soppresso un' importantissima corsa di linea, precisamente quella in partenza da Napoli alle 9:10, con scalo a Procida che proseguiva successivamente per Ischia, mettendo così in crisi molti pendolari procidani con la soppressione anche del traghetto delle 7:30 da Procida per Napoli.

La Federconsumatori è ancora e sempre disposta ad unirsi ad altre associazioni e sindacati per lottare sinergicamente e potere riaffermare il sacrosanto diritto alla mobilità territoriale delle popolazioni isolane. ISOLANI MA NON ISOLATI.

Il Presidente della Federconsumatori Campania

Rosario Stornaiuolo

 

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna