Questo sito usa i cookie di terze parti per migliorare i servizi e analizzare il traffico. Le info sulla tua navigazione sono condivise con queste terze parti. Navigando nel blog accetti l'uso dei cookie.

EMERGENZA COVID 19

BONUS ENERGIA

SOS TURISTA

SPORTELLO MIGRANTI

CONCILIAZIONI RC

SOPPRESSIONI EAV

SOVRAINDEBITAMENTO

SANITA' SALUTE

FUSIONE

LUDOPATIE

Imu, chi paga per il 2012: la batosta il 16 gennaio

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

Nonostante l'abolizione, i contribuenti dei Comuni che hanno alzato l'aliquota dovranno la differenza. Si parla di 10.000 per una media d 42 euro a testa.

L'Imu sulla prima casa per il 2013 è stata abolita, ma non per tutti. I contribuenti dei Comuni che hanno alzato l'aliquota avranno una brutta sorpresa, e già il 16 gennaio dovranno versare la differenza. Sono 872 le ammministrazioni che hanno ritoccato all'insù l'aliquota (tra questi 11 capoluoghi): i proprietari interessati, secondo i primi calcoli, sono circa 10 milioni, per una media di 42 euro a testa.

L'aliquota dimentcata

Il pasticcio accade perché, quando il governo ha stabilto di cancellare la tassa per l'anno corrente non ha tenuto conto del fatto che, per fare quadrare i conti, alcune amministrazioni avevano alzato l'aliquota rispetto allo standard del 4 per mille. La copertura statale, dunque, non garantisce quel pezzetto di gettito già messo in bilancio, per cui i Comuni sono in difficoltà, lo Stato non ha i fondi, e l'unica alternativa resta quella di fare pagare i contribuenti.

Da Milano a Napoli

Sono 11 i capoluoghi interessati: tra questi Milano, dove l'aliquota è passata dal 4 al 6 per mille; Bologna dal 4 al 5 per mille; Napoli dal 5 al 6 per mille; Genova dal 5 al 5,8 per mille; Ancona dal 5,5 al 6 per mille; Verona dal 4 al 5 per mille; Caltanissetta, Cosenza e Vibo Valentia, dal 4 al 6 per mille. Quanto alle quote da pagare, il versamento per ciascun contribuente dovrebbe essere pari al 40% della differenza tra l'Imu effettiva (calcolata sulla base della nuova aliquota e delle detrazioni) e quella del 2012.

C'è tempo fino al 9 dicembre

Ma il numero di coloro a cui spetta pagare, però, potrebbe aumentare, perché le amministrazioni comunali hanno tempo fino al 9 dicembre per definire le aliquote del 2013. A conti fatti, Secondo il segretario confederale della Uil Gugliemo Loy, "tra il 16 dicembre (scadenza della seconda rata Imu per le seconde case e gli altri immobili, ndr.) e il 16 gennaio, si profila un vero ingorgo fiscale per le tasse sulla casa. Questo incrocio fiscale, insieme agli aumenti delle addizionali Irpef, rischia di contrarre ancora di più i consumi interni e quindi la ripresa economica e occupazionale".

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna