Questo sito usa i cookie di terze parti per migliorare i servizi e analizzare il traffico. Le info sulla tua navigazione sono condivise con queste terze parti. Navigando nel blog accetti l'uso dei cookie.

Sportello sovraindebitamento e usura

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 
Categoria principale: articoli
Categoria: sovraindebitamento\usura
Creato Venerdì, 27 Giugno 2014 04:07
Scritto da Federconsumatori Campania
Visite: 2929

br sdebitiamoci noFAI

HAI AVUTO LA NECESSITA' DI ACCEDERE A NUMEROSI PRESTITI?

ORA SEI IN CRISI PER I DEBITI CHE NON RIESCI PIU' A PAGARE?

DEBITI PER RIPIANARE ALTRI DEBITI?

IN ITALIA C'E' UNA LEGGE CHE PUO' AIUTARTI E UN'ASSOCIAZIONE CHE TI AIUTA A USCIRNE.

Nell'Italia della lunga recessione dal 2010 al 2013 il credito al consumo è tutt'altro che in crisi, anzi ha guadagnato quote su una percentuale considerata già alta, passando dal 59% al 61%, come evidenzia un'indagine del Forum Ania-Consumatori. Si spende, sì, ma spesso si chiedono soldi per tappare le falle di altri prestiti. Mentre il reddito familiare si riduce al lumicino, cresce il bubbone del sovraindebitamento. E il crac è dietro l'angolo. Con conseguenze estreme: creditori alla porta, casa pignorata, ingesso nel circuito usuraio, suicidi.

Mentre basterebbe un «fallimento controllato», come succede per le aziende che portano i libri in tribunale, per dare fiato al debitore e ai creditori le somme dovute.

La soluzione, in effetti, esiste già. È la prospettiva aperta dalla legge 3 del 2012, emanata dall'allora governo Monti, che prevede il concetto di "default familiare".

Finora però il provvedimento è rimasto nei cassetti. Perché? Da un lato c'è la scarsa informazione sulla procedura. Dall'altro pesa anche lo scarso numero di omologhe a concordati di fallimento individuali finora accolte dai tribunali in Italia. Se ne contano tre: due a Catania e una a Pistoia.

Per accedere alla procedura di default famigliare, tutti i debiti devono essere incolpevoli , ma basta che sia stato contratto un finanziamento per ripianare un altro debito, per risultare colpevole. Mentre grazie agli strumenti della legge 3/2012, un cittadino può sedersi al tavolo con i suoi creditori e stabilire un piano di rientro che non lo strozzi, rimanendo proprietario dei beni privati, ad esempio l'abitazione.

Il sovraindebitamento è diffuso: cartina di tornasole sono i 32 miliardi di euro di crediti in sofferenza nei caveau delle banche italiane, il 6% su uno stock di 500 miliardi di euro (dati Istat-Bankitalia).

 

Chiunque volesse avere informazioni può prenotare una consulenza con i nostri esperti chiamando al numero di telefono 081.196.44.072 o inviando una mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. .